Comunicati

DIFFIDA PEC ALL'ASSESSORATO ALLA CONSEGNA DELLE CREDENZIALI PER LA PRESCRIZIONE DEI PIANI TERAPEUTICI

Al Sig. Assessore alla Sanità 
Ill.me Autorità,
Si riscontra la nota in oggetto (allegata) con la quale documentate che l'Assessorato alla Salute nega agli Specialisti Accreditati col Sistema sanitario Nazionale e Regionale la prescrizione dei farmaci salvavita vedi NAO (Nuovi Anticoagulanti orali) e, fatto ancor più grave, nega ai cardiopatici siciliani di essere curati prontamente dal cardiologo accreditato esterno che li visita a nome e per conto delSSN e del SSR.
Ed, a nostro avviso, in modo erroneo riferisce che tale prescrizione è riservata alle UU.OO. ed ai soli specialisti convenzionati interni.
Desideriamo pertanto meglio precisare la richiesta dello scrivente Sindacato:
1) sino al 28 febbraio i Cardiologi Accreditati Esterni hanno prescritto, anche su disposizione dell'AIFA la nota 97 (NAO) in formato cartaceo;
2) dal 1 di marzo si sarebbe dovuta attivare la scheda sul portale SOGEI;
3) il Servizio 7 del nostro Assessorato, come da Voi comunicato, ha rimandato tale attivazione a data da destinarsi, lo stesso Servizio 7 comunica che sino a detta attivazioni gli specialsti cardiologi accreditati esterni devono prescrivere in WEB Based;
4) per prescrivere in Web Based sono necessarie le stesse credenziali che autorizzano la autoprescrizione delle prestazioni;
5) ai cardiologi accreditati esterni, non a tutti, sono state ritirate tali credenziali solo al fine della autoprescrizione causa altro contenzioso in corso;
6) Tali credenziali servono pure per la prescrizione dei P.T. e pertanto solo alcuni cardiologi, rei di aver ricorso contro l'Assessorato, sono privati di queste credenziali;
7) ad oggi decine di cardiologi accreditati esterni, che sono in possesso di tali credenziali continuano a prescrivere i NAO;
Si rileva pertanto una evidente disparità di trattamento tra i cardiologi che per altre fattispecie hanno iniziato un contenzioso con l'Assessorato è che sono stati privati di tali credenziali ed i cardiologi che non hanno iniziato il contenzioso ed ai quali non sono state ritirate le credenziali e possono continuare a prescrivere i NAO.
Si fà inoltre presente che in questa controversia non devono essere puniti o penalizzati i pazienti siciliani ed il diniego, solo ad alcuni cardiologi a prescrivere i farmaci salvavita ha solo, a nostro parere, una azione punitiva per quei Cardiologi che hanno osato ricorrere contro l'Assessorato.
Si documenta pertanto una illogicitgà nella risposta di codesto Assessorato della Salute ed una evidente disparità di trattamento.
Pertanto si chiede alle SS. VV. Ill.me di voler consegnare urgentemente tali credenziali ai cardiologi aderenti a codesto sindacato finalizzate esclusivamente alla prescrizione dei P.T.

Questa richiesta riveste il carattere di MASSIMA URGENZA in quanto dal 1 marzo non si possono prescrivere più i P.T. se non con le credenziali sopra dette e ciò causerà un grave nocumento, anche in terrmine di perdita di vite umane ai pazienti cardiopatici siciliani affetti da fibrillazione atriale.

In caso di non attivazione immediata delle credenziali si declina ogni responsabilità di questa mala gestio della sanità siciliana e saremo costretti a ricorrere alle Autorità competenti.

Distinti saluti

Dr. S. Gibiino n.q.

ed in nome e per conto dei Cardiologia Accreditati Esterni