HOME - Benvenuti sul sito del SINDACATO BRANCA A VISITA (S.B.V.)

Se sei un nostro socio registrato effettua la login per poter accedere alle altre risorse riservate che si renderanno automaticamente disponibili.
Buona navigazione!

[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] Avanti :: pagine:64 :: records:379
ASP CATANIA - NEI PROSSIMI GIORNI SARETE CONVOCATI SINGOLARMENTE PER ENTRARE NEL CUP AZIENDALE
DOCUMENTI E COMUNICATI | 10/09/2014 |

Si è svolta presso il Servizio Sanitario di Base dell’ASP 3 di Catania, la riunione con i Dirigenti del Servizio ed i Responsabili delle Associazioni degli accreditati esterni delle categorie interessate al CUP (SBV-CSSP ANDIAR- ARDISS FKT- CROAT – CONFCOMMERCIO CONFSANITA’ – AIOP)  e per le branche di Cardiologia, Gastro enterologia, Radiologia, Neurologia, Ostetricia e ginecologia e FisioKinesiterapia.

La Dirigente del Servizio, Dr.ssa Fidelio, ha illustrato la necessità che ha l’Azienda di incrementare l’offerta delle prestazioni critiche afferenti alle su citate branche ed in classe di priorità B, per le quali si registra una lunga lista di attesa nei propri poliambulatori e quindi ha chiesto la collaborazione solo per alcune prestazioni fino alla fine del 2014. Le prestazioni richieste: per la

-          CARDIOLOGIA:ecocolordopler cardiaca cod. 88.72.3; ecocolordopler dei tronchi sovra aortici cod. 88.73.5; ecocolordopler degli arti superiori o distrettuale, arteriosa o venosa cod 88.77.21; ecocolordopler degli arti inferiori o distrettuale, arteriosa o venosa cod. 88.77.22.

-  GASTROENTEROLOGIA: colonscopia cod. 45.23; esofagogastroduodenoscopia (EGD) cod. 45.13; ecografia dell’addome superiore cod. 88.74.1; ecografia dell’addome inferiore cod. 88.76.1.

-          RADIOLOGIA: mammografia bilaterale cod. 87.37.1; ecografia dell’addome superiore cod. 88.74.1; ecografia dell’addome inferiore cod. 88.75.1; ecografia dell’addome completo cod. 88.76.1; ecografia della mammella bilaterale cod. 88.73.1.

-          NEUROLOGIA: elettromiografia cod. 93.08.1.

-          OSTETRICIA E GINECOLOGIA: ecografia ginecologica cod. 88.78.2.

-          FKT: elettromiografia cod. 93.08.1.

I rappresentanti delle categorie interessate hanno concordato con l’Azienda di fornire tali prestazioni al fine di abbattere le liste di attesa e quini l’azienda convocherà singolarmente gli specialisti interessati per concordare il numero delle prestazioni da fornire per l’anno 2014 ed anche per il 2015, integrando gli specialisti e quindi le relative aziende al CUP aziendale.

I rappresentanti degli accreditati esterni hanno chiesto di poter accedere alle agende di prenotazione attraverso il rilascio di una password, al fine di effettuare il monitoraggio delle prenotazioni.

I colleghi delle categorie interessate preparino l’elenco delle prestazioni e degli orari disponibili da mettere a disposizione della ASP 3 per l’anno 2014 e per l’anno 2015, così come già fatto lo scorso anno.

Per l'anno in corso si consiglia di confermare quanto gia' concordato il precedente anno.


INAPPLICABILITA^ DEL DDG SUGLI ACCESSI
DOCUMENTI E COMUNICATI | 08/09/2014 |

DIFFIDA INVIATA IN ASSESSORATO

ad oggi non esiste nemmeno una ricetta redatta dai medici prescrittori conforme al DDG in oggetto.
Di contro i Distretti delle ASP ci hanno fatto sapere che annullerano ovviamente "ai solo specialisti accreditati esterni" tutte le ricette a far data dal 1 settembre u.s., ovviamente gli ambulatori della ASP e delle A.A. O.O. , come sempre, sono esentati ad uniformarsi a qualsiasi dettame assessoriale in quanto godono di speciali privilegi.
Se applicassimo il decreto nei  prossimi giorni dovremmo rifiutare al 100% dei nostri paziente l'esecuzione di esami anche urgenti ed indifferibili, e ciò non è eticamente possibile.

Come sempre, coloro che eseguono l'80% delle prestazioni sul territorio, non vengono mai coinvolti o quantomeno informati e/o contattati.

LEGGI LA DIFFIDA

[ scarica file ] scarica la risorsa - 1251_2068doc.pdf Diffida Assessorato DDG 29-05-2014

A PROPOSITO DI SEMPLIFICAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
DOCUMENTI E COMUNICATI | 03/09/2014 |

 APPRENDIAMO CON DISPIACERE CHE LA REGIONE SICILIA HA "SEMPLIFICATO" LA COMPILAZIONE DELLA RICETTA ATTIVANDO CAMPI DI ALCUN SIGNIFICATO MA SOLO PER COMPLICARE IL NOSTRO E L'ALTRUI LAVORO. DI SOTTO LE INDICAZIONI DEL SINDACATO PER COMPILARE QUESTO INUTILE CAMPO.

Oggetto: Precisazioni su DDG 29.5.14 (GURS n. 24, parte I, del 13.6.14)

             Da una attenta valutazione del DDG richiamato e della Circolare 1293 del 25/07/2012 si desidera sottolineare, al fine di evitare errori interpretativi da parte del Medici prescrittori, quanto segue:

 1)     Per  1° accesso non si intende solo la visita ma anche un esame strumentale;

2)     Ambedue (visita o prestazione strumentale) se erogate da specialista diverso dal primo osservatore sono da considerare sempre primo accesso (Circolare 1293 lettera G);

3)     Anche per i pazienti cronici visita o esami strumentali sono da considerare 1° accesso se ritenute “necessarie ad eventuale peggioramento del quadro clinico” (Circolare 1293 lettera G);

4)     Inoltre se il paziente ha precedentemente eseguito solo un esame strumentale e ritorna per eseguire il controllo strumentale + la visita, deve essere biffato come  2° accesso però la visita deve essere tabulata come 1° visita;

5)     Resta sempre confermato, in quanto non è mai stato abrogato, quanto specificato nella GURS n. 4 del 24/01/1998 pag. 67 ultimo capoverso e precisamente “la  visita successiva deve intendersi tale se effettuata entro 45 giorni dalla prima visita”  quindi dopo il 45° giorno ridiventa 1° visita pur essendo 2° accesso (ad eccezione delle malattie croniche secondo DM 329 e secondo quanto precisato dall’art. 2  del Decreto 29 maggio 2014);

6)     Si precisa inoltre che i  “pazienti con patologia cronica” sono quelli definiti dal Decreto Ministeriale del 29 maggio 1999 n. 329 e pertanto godono, a differenza degli altri,  della esenzione per “patologia”. Infatti il D.M. è denominato: “Regolamento recante norme di individuazione delle malattie croniche…” e non altre categorie non richiamate da alcun decreto;

7)     Si prende atto che l’art. 2  del Decreto 29 maggio 2014 nell’ultimo capoverso estende l’esenzione per le visite “anche in discipline specialistiche diverse, ma comunque correlate con quella di riferimento che ne ha determinato l’esenzione” ; per esempio le visite per complicanze oculistiche, neurologiche, cardiologiche del diabetico.

 In definitiva non è semplice definire il 1° accesso dal 2°. Quello che è importante è non stravolgere la normativa esistente soprattutto sulla  1° visita e 2° visita o visita di controllo; normativa che non è assolutamente cambiata. Non vorremmo che il Medico proscrittore confondesse il 1° o 2° accesso con la 1° o 2° visita (vedi quanto ben specificato al precedente punto 4) soprattutto in previsione dell’entrata in vigore della ricetta de materializzata.

 

Si desidera inoltre sottolineare il seguente caso a cui il MMG non ha responsabilità e, a nostro parere, nemmeno competenza prescrittiva e precisamente:

Un paziente esegue ecg presso il cardiologo "A" questi trova una aritmia prescrive terapia e ricontrollo ecg dopo 15 giorni di terapia; a questo punto il MMG non sà se scrivere 1° o 2° accesso in quanto se il paziente ritorna al cardiologo "A" è secondo accesso ma, se va dal cardiologo "B" (esercita la libera scelta del luogo di diagnosi e cura) diventa  ai sensi della lettera G della circolare 1293 primo accesso, ne deriva che il cardiologo "B" non può eseguire la prestazione se trova scritto "secondo accesso" e deve rinviare il paziente al MMG per cambiare la ricetta. Ciò è dovuto al fatto che in Sicilia allo Specialista accreditato esterno è vietato "prendere in cura il paziente" ed "esercitare la "continuità assistenziale" diritti invece riconosciuti a tutti gli altri specialisti compresi quelli delle Case di cura accreditate esterne.

La soluzione semplice è quella che in caso di ricontrollo della prestazione sia lo specialista che esegue la prestazione a digitare 1° o 2° accesso sulla ricetta, anche a penna, firmando dietro col timbro proprio la integrazione. Restando sempre a disposizione si inviano cordiali saluti.


PUBBLICATO IL DECRETO SULLE INDICAZIONI ALLE DIMISSIONI OSPEDALIERE DEI REPARTI CARDIOLOGICI
DOCUMENTI E COMUNICATI | 31/08/2014 |

 PUBBLICATO IL DECRETO CHE HA VISTO COINVOLTE IN PRIMA PERSONA LE ASSOCIAZIONI SCIENTIFICHE DEL TERRITORIO ARCA ED ANCE.

UN PLAUSO ALL'ASSESSORE BORSELLINO ED AL DR. GIOVANNI DE LUCA CHE HANNO COINVOLTO ANCHE IL TERRITORIO.

FINALMENTE LA RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA ENTRA OBBLIGATORIAMENTE NELLE LINEE GUIDA DELLE DIMISSIONI OSPEDALIERE.

LEGGI IL DECRETO ED I SEGUENTI ALLEGATI

[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2063doc.pdf Allegato C Check list
[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2064doc.doc Allegato B KIT EDUCAZIONALE
[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2065doc.doc Allegato A lettera dimissione reparti cardiologia
[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2066doc.pdf Decreto Appropiatezza dimissioni reparti cardiologia

PUBBLICATE LE LINEE GUIDA SULLA CORRETTA PRESCRIZIONE DEGLI ESAMI RADIOLOGICI
DOCUMENTI E COMUNICATI | 31/08/2014 |

LEGGI LE LINEE GUIDA

[ scarica file ] scarica la risorsa - 1249_2067doc.pdf Decreto Appropiatezza prescrizioni radiologiche

SFOGLIANDO DI QUA E DI LA
DOCUMENTI E COMUNICATI | 31/08/2014 |

Da Quotidiano Sanità.it

UTAP o CASE della SALUTE o PTA

No alle “cure continue” e sì “alla continuità delle cure”: lo Snami chiede un ripensamento sulle nuove regole previste dalla legge Balduzzi, secondo le quali i medici di medicina generale lavoreranno suddivisi in gruppi da 25 o 30. In questo modo, secondo il sindacato, cambierà inevitabilmente il volto dell’assistenza sul territorio e della medicina della famiglia, molto spesso basata su un rapporto confidenziale con il medico.
“I grupponi hanno fallito in tutto il mondo e i ricoveri ospedalieri non sono diminuiti – fa notare Angelo Testa, il presidente nazionale del sindacato – La legge Balduzzi di riordino sanitario è stata un errore grossolano e chi l’ha fortemente voluta dovrebbe rispondere alla comunità della Medicina Generale degli esiti deleteri che produrrà sull’ accordo collettivo nazionale. A meno che non ci siano dei doverosi ripensamenti”.
“Esperienze internazionali – spiega Domenico Salvago,presidente di Snami Sardegna – indicano inequivocabilmente che i piccoli gruppi, che sono di fatto gli attuali, hanno tassi di ricovero ospedaliero nettamente più bassi dei «grupponi». Verrà inoltre persa – aggiunge – quella capillarità dell’assistenza medica oggi presente nei paesini e nelle località più sperdute, aspetto altamente positivo dell’assistenza territoriale e molto gradito ai pazienti”.

SCOMPENSO CARDIACO

Il congresso della Società Europea di Cardiologia ha preso il via oggi a Barcellona con una buona notizia: dopo tanti anni e numerosi flop, finalmente sembra arrivato il momento di aggiornare la terapia dello scompenso cardiaco, con una nuova classe di farmaci, gli ARNi (inibitori dell’angiotensina e della neprilisina), che riducono del 20% la mortalità cardiaca

La neprilisina è un enzima deputato a degradare bradichinina, peptidi natriuretici  e adrenomedullina; bloccando l’azione di questa endopeptidasi, gli inibitori provocano un aumento dei livelli circolanti di questi peptidi che secondo gli autori dello studio controbilancia gli effetti della esagerata attivazione neurormonale, tipica dello scompenso, che porta a ritenzione di sodio, vasocostrizione e remodeling ventricolare.



Comitati Regionali
  • CONSIGLIO NAZIONALE
  • SICILIA
  • PIEMONTE
  • MARCHE
  • ABRUZZO
  • TOSCANA
  • CAMPANIA
  • PUGLIA
  • VENETO
  • LOMBARDIA
  • EMILIA ROMAGNA
  • TRENTINO ALTO ADIGE
  • SARDEGNA
  • MOLISE
  • CALABRIA
  • LAZIO
  • LIGURIA
  • FRIULI VENEZIA GIULIA
  • BASILICATA
  • UMBRIA
  • VALLE D'AOSTA
Specializzazioni
Vuoi conoscere gli Specialisti appartenenti ad un particolare settore specialistico e sapere gli esami relativi?
Clicca qui per la ricerca.
Specialisti
specialisti Hai bisogno dei dati di un Dottore Specialista.
Clicca qui per la ricerca.-->
Newsletter
Iscrizione al servizio della newsletter.
Inserisci il tuo indirizzo e-mail