HOME - Benvenuti sul sito del SINDACATO BRANCA A VISITA (S.B.V.)

Se sei un nostro socio registrato effettua la login per poter accedere alle altre risorse riservate che si renderanno automaticamente disponibili.
Buona navigazione!

[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] Avanti :: pagine:63 :: records:376
PUBBLICATO IL DECRETO SULLE INDICAZIONI ALLE DIMISSIONI OSPEDALIERE DEI REPARTI CARDIOLOGICI
DOCUMENTI E COMUNICATI | 31/08/2014 |

 PUBBLICATO IL DECRETO CHE HA VISTO COINVOLTE IN PRIMA PERSONA LE ASSOCIAZIONI SCIENTIFICHE DEL TERRITORIO ARCA ED ANCE.

UN PLAUSO ALL'ASSESSORE BORSELLINO ED AL DR. GIOVANNI DE LUCA CHE HANNO COINVOLTO ANCHE IL TERRITORIO.

FINALMENTE LA RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA ENTRA OBBLIGATORIAMENTE NELLE LINEE GUIDA DELLE DIMISSIONI OSPEDALIERE.

LEGGI IL DECRETO ED I SEGUENTI ALLEGATI

[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2063doc.pdf Allegato C Check list
[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2064doc.doc Allegato B KIT EDUCAZIONALE
[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2065doc.doc Allegato A lettera dimissione reparti cardiologia
[ scarica file ] scarica la risorsa - 1248_2066doc.pdf Decreto Appropiatezza dimissioni reparti cardiologia

PUBBLICATE LE LINEE GUIDA SULLA CORRETTA PRESCRIZIONE DEGLI ESAMI RADIOLOGICI
DOCUMENTI E COMUNICATI | 31/08/2014 |

LEGGI LE LINEE GUIDA

[ scarica file ] scarica la risorsa - 1249_2067doc.pdf Decreto Appropiatezza prescrizioni radiologiche

SFOGLIANDO DI QUA E DI LA
DOCUMENTI E COMUNICATI | 31/08/2014 |

Da Quotidiano Sanità.it

UTAP o CASE della SALUTE o PTA

No alle “cure continue” e sì “alla continuità delle cure”: lo Snami chiede un ripensamento sulle nuove regole previste dalla legge Balduzzi, secondo le quali i medici di medicina generale lavoreranno suddivisi in gruppi da 25 o 30. In questo modo, secondo il sindacato, cambierà inevitabilmente il volto dell’assistenza sul territorio e della medicina della famiglia, molto spesso basata su un rapporto confidenziale con il medico.
“I grupponi hanno fallito in tutto il mondo e i ricoveri ospedalieri non sono diminuiti – fa notare Angelo Testa, il presidente nazionale del sindacato – La legge Balduzzi di riordino sanitario è stata un errore grossolano e chi l’ha fortemente voluta dovrebbe rispondere alla comunità della Medicina Generale degli esiti deleteri che produrrà sull’ accordo collettivo nazionale. A meno che non ci siano dei doverosi ripensamenti”.
“Esperienze internazionali – spiega Domenico Salvago,presidente di Snami Sardegna – indicano inequivocabilmente che i piccoli gruppi, che sono di fatto gli attuali, hanno tassi di ricovero ospedaliero nettamente più bassi dei «grupponi». Verrà inoltre persa – aggiunge – quella capillarità dell’assistenza medica oggi presente nei paesini e nelle località più sperdute, aspetto altamente positivo dell’assistenza territoriale e molto gradito ai pazienti”.

SCOMPENSO CARDIACO

Il congresso della Società Europea di Cardiologia ha preso il via oggi a Barcellona con una buona notizia: dopo tanti anni e numerosi flop, finalmente sembra arrivato il momento di aggiornare la terapia dello scompenso cardiaco, con una nuova classe di farmaci, gli ARNi (inibitori dell’angiotensina e della neprilisina), che riducono del 20% la mortalità cardiaca

La neprilisina è un enzima deputato a degradare bradichinina, peptidi natriuretici  e adrenomedullina; bloccando l’azione di questa endopeptidasi, gli inibitori provocano un aumento dei livelli circolanti di questi peptidi che secondo gli autori dello studio controbilancia gli effetti della esagerata attivazione neurormonale, tipica dello scompenso, che porta a ritenzione di sodio, vasocostrizione e remodeling ventricolare.


COFISAN - DECRETO RIMBORSO INTERESSI ANNO 2012
DOCUMENTI E COMUNICATI | 13/08/2014 |

 CARI COLLEGHI,

 

IL NOSTRO CONSORZIO FIDI COFISAN (di cui sono soci a semplice domanda gli specialisti accreditati esterni appartenenti a qualsiasi sindacato) con Decreto  DDS 383 del 4 agosto, per l'anno 2012 HA AVUTO ASSEGNATI 230.886 EURO da rimborsare ai soci COFISAN per interessi da loro pagati alle banche per la gestione delle proprie strutture sanitarie.

 

Ricordo che   C O F I S A N  è a disposizione di tutti i medici, biologi e strutture sanitarie con rapporti di lavoro col SSR, è riconosciuto dalla Regione con D.A. ed è un intermediario finanziario specializzato nel settore sanitario. E’ uno strumento di mutualità reciproca e solidale che attraverso un fondo rischi ha lo scopo di offrire ai soci le migliori condizioni di accesso ai finanziamenti.

 

Ricordo che qualsiasi documentazione è a carico del COFISAN ed il socio non è gravato da alcun carico organizzativo nel richiedere i contributi che corrispondo sino al 60% di rimborso degli interessi pagati per anticipo fatture, leasing, acquisto attrezzature ed immobili, mutui ecc. ecc.  a tassi assolutamente competitivi.

 

Per informazioni potete contattare a mio nome il Direttore Dr. Andrea Pappalardo 335 5364906 o collegarvi al sito www.cofisan.com o telefonare dopo il 24 agosto al numero 095 505931, fax 095 443216 e mail cofisan@cofisan.com, Cofisan, Piazza Michelangelo Buonarroti 22 - Catania

 

Sono in corso di pubblicazione i Decreti per i rimborsi anni 2009-2011. 

 


DAL 1 NOVEMBRE OBBLIGO DI RICETTA DEMATERIALIZZATA
DOCUMENTI E COMUNICATI | 09/08/1953 |

 LEGGI IL DECRETO

[ scarica file ] scarica la risorsa - 1245_2054doc.pdf DA 1254 - RICETTA DEMATERIALIZZATA

MENTRE A NOI CI RIDUCONO OGNI ANNO IL BUDGET A LORO ELARGISCONO 40 MILIONI DI EURO (ad un solo loboratorio). PER SANARE IL NOSTRO SETTORE NE BASTEREBBERO SOLO 10 PER 1.760 LABORATORI MA E^ DIFFICILE TROVARLI, CHISSA^ PERCHE^! ! ! ! !
DOCUMENTI E COMUNICATI | 09/08/2014 |

 DA QUOTIDIANOSANITA.IT

Sicilia. Maxi truffa su fondi europei in un

laboratorio di Cefalù. Indagato l’ex ministro

Fazio

La frode è stata scoperta dalla Guardia di Finanza che ha sequestrato la società di Cefalù e beni per 40 milioni di euro. Tra gli indagati l’ex ministro della Salute, Ferruccio Fazio. I reati ipotizzati sono truffa aggravata ai danni dello Stato e dell’Ue e falso in atto pubblico. 

08 AGO - Scoperta dalla Guardia di finanza di Palermo una maxi truffa legata a finanziamenti europei nella Sanità siciliana. Le fiamme gialle hanno sequestrato il Laboratorio di tecnologie oncologiche Hsr-Giglio Scarl di Cefalù, una società consortile a responsabilità limitata. Tre gli indagati: l’ex ministro della Salute, Ferruccio Fazio, Antonio Emilio Scala, legale rappresentante del laboratorio, e Maria Cristina Messa, responsabile dei progetti di ricerca e formazione.
Fazio ha ricoperto il ruolo di legale rappresentante della società tra il 2005 e il 2008 mentre ha guidato il ministero della Salute, durante il quarto governo Berlusconi, dal 2009 al 2011. I tre sono accusati di aver percepito illecitamente ingenti contributi pubblici attraverso la società.
 
Per questo sono stati sequestrati il complesso aziendale e il capitale sociale, del valore di oltre 20 milioni di euro, ed è stato bloccato un finanziamento di circa 9 milioni di euro in arrivo dal ministero dell'Istruzione, dell'Università' e della Ricerca.
 
Nel mirino degli investigatori 3 domande di finanziamento pubblico presentate nell'ambito del Fondo Agevolazione Ricerca. Come è emerso dalle indagini, avviate dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria e successivamente coordinate dalla Procura, per due progetti la società avrebbe ottenuto i fondi pubblici attraverso “l’utilizzo di documenti ideologicamente falsi”. 

08 agosto 2014
© Riproduzione riservata



Comitati Regionali
  • CONSIGLIO NAZIONALE
  • SICILIA
  • PIEMONTE
  • MARCHE
  • ABRUZZO
  • TOSCANA
  • CAMPANIA
  • PUGLIA
  • VENETO
  • LOMBARDIA
  • EMILIA ROMAGNA
  • TRENTINO ALTO ADIGE
  • SARDEGNA
  • MOLISE
  • CALABRIA
  • LAZIO
  • LIGURIA
  • FRIULI VENEZIA GIULIA
  • BASILICATA
  • UMBRIA
  • VALLE D'AOSTA
Specializzazioni
Vuoi conoscere gli Specialisti appartenenti ad un particolare settore specialistico e sapere gli esami relativi?
Clicca qui per la ricerca.
Specialisti
specialisti Hai bisogno dei dati di un Dottore Specialista.
Clicca qui per la ricerca.-->
Newsletter
Iscrizione al servizio della newsletter.
Inserisci il tuo indirizzo e-mail